RAI, DUBBI AVVOCATURA SUL TETTO AI COMPENSI DEGLI ARTISTI

IL PARERE, 'NON PESANO SUL CANONE, VALUTARE LA CONCORRENZA' Le prestazioni artistiche vanno considerate in maniera distinta, non gravano sul canone e i compensi vanno valutati considerando la necessità di garantire alla Rai di operare in regime di parità concorrenziale. Questi i contenuti di un parere che la Presidenza del Consiglio ha chiesto all'Avvocatura dello Stato e che prospetta forti dubbi sulla possibilità di applicare il tetto di 240mila euro ai compensi degli artisti in Rai. (ANSA).

Nessun commento:

Posta un commento